Doomsday – Il giorno del giudizio

9286_bigITALIA 2 (canale 35) ore 21:10

Il pretesto per la fine annunciata sulla locandina è semplicissimo. In un futuro prossimo in Scozia scoppia un’epidemia e la Gran Bretagna decide, per arginare la diffusione del contagio, di costruire un muro al confine, isolando l’intera nazione. L’equilibrio si rompe nel momento in cui scoppiano dei casi a Londra, costringendo il governo a ordinare una spedizione nella zona contaminata per trovare un possibile sopravvissuto e usarlo per sintetizzare la cura.

Dopo due horror (uno buono, Dog Soldiers, l’altro ottimo e consigliatissimo, The Descent), Neil Marshall decide di cimentarsi nel post-atomico, attingendo dai maestri del genere e creando un mix di citazioni armonico che non scade nel semplice collage statico. Il buon Marshall prende una protagonista femminile alla Alien, la fa interagire con un’ambientazione e dei personaggi alla Mad Max attraverso uno sviluppo narrativo alla Carpenter. Ma questi sono solo alcuni dei riferimenti cinematografici, quelli più palesi, ed è interessante cercare di scovarli, durante la visione, in ogni minimo particolare, persino nei caratteri dei titoli (su Internet c’è chi si è divertito a farlo).

Non si butta a capofitto sull’azione e il fracasso, ma si prende i suoi tempi con una prima parte che scava brevemente nel passato dell’eroina e introduce lo spettatore in un mondo provato e disumano sia al di qua che al di là del muro, e una seconda parte che cresce costantemente di intensità e ritmo fino a un finale bellissimo che promette distruzione e morte intesi come possibilità di rinascita. Nel mezzo la dicotomia tra i cannibali assetati di sangue, uomini abbandonati alla ricerca del loro posto nel mondo e trasformati in bestie dallo spirito di sopravvivenza, e il gruppo di umani ancora legati a una civiltà che non può più esistere, illusi di poter vivere secondo le stesse regole ed ignari del crollo di una società ormai obsoleta (ricordando Romero, a proposito di citazioni).

Doomsday è l’autore che utilizza il genere per raccontare se stesso e il mondo che lo circonda, è l’intrattenimento di alto livello che può far divertire chiunque, l’amante dell’action come quello dell’horror, chi ama l’aspetto sociale e chi preferisce quello ludico. Impossibile da dimenticare come ogni pellicola del regista.

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

One thought on “Doomsday – Il giorno del giudizio

  1. […] Commento: vi rimando alla recensione del 19 giugno 2015 Recensione Doomsday […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Una vita da cinefilo

Articoli, rubriche e recensioni a cura di Alessio Trerotoli

Ne ho viste cose...

Liberi pensieri cinematografici

Críticas de Cine y TV

Cinéfila empederinda leyendo la serie perfecta.

Percorsi diversi

In un mondo di persone normali solo i Mostri ci salveranno

La rivista eterea

In un clic, Economia, Arte, Costume e Società a Bergamo e molto altro... by Maryline JM-W

La L◯ggia Nera

{my.favorite.movies.of.all.time}

Il Cinema

0% Spoiler 10% Recensione 90% Divagazione - myhakunamatata.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: